Un fantastico EdRes Day

Primaria – Secondaria – Genitori – Amici

Sabato 1 giugno la scuola ha vissuto il momento rituale dellEdRes Day, la festa di tutti, genitori, insegnanti, bambini, ragazzi, ex alunni ed amici e il termine “rituale” non è casuale, visto che l’anno scolastico alle Scuole Edres è scandito anche dalle nostre due feste, quella d’ Autunno e quella dell’EdRes Day: momenti che si rinnovano e sono l’occasione per riscoprire il significato e la voglia di stare insieme, di sentirsi profondamente parte di un progetto educativo che vede tutti coinvolti in un’unica esperienza di crescita comune.

Come sempre, l’energia e l’entusiasmo dell’instancabile comitato organizzativo si riverbera su tutti i partecipanti che ogni anno di più testimoniano lo spirito di unità e collaborazione che nasce spontaneo in chi entra a far parte della scuola, uno spirito che emerge soprattutto in queste occasioni, come racconta la nostra inviata speciale Isabella Lucchini, in uno spaccato di questa fantastica giornata

La giornata inizia presto: ore 8.00 ritiro della porchetta e poi via con nostro figlio che chiede di partecipare ai preparativi e ancora insonnolito si approccia alla colazione dicendo – Oggi è una giornata bellissima -.

Gli spazi esterni vengono riorganizzati per ospitare le famiglie e in breve tutto è pronto, dalla zona cucine, che vanta diversi punti frittura, al tendone dell’infanzia adibito a zona casse e punto vendita giochi e libri, mentre tavoli e panche vengono sistemati all’ombra dei bellissimi tigli del giardino.
È pronto anche l’arco di palloncini in ingresso ad accogliere verso mezzogiorno bambini e adulti affamati, pronti a formare file festose in attesa del pranzo.

Nel pomeriggio i piccoli vengono intrattenuti dal Mago, mentre la Primaria è alle prese con giochi a squadre nel campo da basket.  Il campo da calcio rimane presidio dei maschi della Secondaria.
Chissà se qualche persona, affacciandosi in quel momento al balcone di una delle case che circondano la scuola, ha ritrovato il sorriso vedendo tutte quelle formichine rumorose correre per il cortile e … verso il carrettino del mitico “Gelateo”.
Non possiamo che ringraziare di tutta questa ricchezza e dell’anno trascorso a scuola con la Santa Messa, che alle 18.00 entra nella confusione della giornata a richiamarci e a darci compostezza.

E’ poi il momento della Scuola di Danza Vic Ballett che abbiamo la fortuna di ospitare di pomeriggio nelle nostre palestre ed è bello che la Scuola non si addormenti dopo l’orario scolastico, ma continui ad essere un luogo vivo e di incontro. Grazie ad Anat e Hans che stanno trasmettendo la loro passione a tanti nostri ragazzi.

A differenza degli anni passati, verso sera si riaprono le cucine con i “risottari” di Isola a deliziarci con le loro prelibatezze (bravissimi!), le tavolate ora sono meno chiassose ed è il momento e l’occasione per scambiare due parole di confronto (…e conforto) con altri genitori amici e i nostri ‘maestri’, nel senso di tutti quelli che all’interno della Scuola ci sono maestri di vita.

Ma la festa non è finita: arrivano dall’atrio di scuola gli effetti lucie e la musica di super DJ Pietro, che fa ballare i nostri ragazzi per quasi due ore, a parte un gruppo di maschi che si insedia in mensa per vedere la partita, mentre noi genitori preghiamo che non si vada ai rigori: vorremmo finalmente “essere portati a dormire”.  

Alla fine il sogno si avvera e ci chiudiamo il cancello alle spalle: lasciamo riposare anche la nostra scuola, che lunedì si riparte per l’ultima settimana dell’anno! ”

Buone Vacanze a tutti, soprattutto al Comitato Feste!